user_mobilelogo
   
  logo 124x47

 

Il Grillo inizia la sua stagione teatrale 2016/17 con uno spettacolo,

ad ingresso libero, dedicato ai bambini ed alle famiglie,

frutto di una collaborazione prestigiosa con l’Orchestra Città di Vigevano

diretta da Andrea Raffanini e del contributo della Fondazione Piacenza Vigevano.

 

IL GRILLO … CHE COS’E’ ? 

è una compagnia teatrale nata nel 1988 a Vigevano sotto la guida di Elena Crosio.

lo scopo di promuovere attività culturali ed artistiche a scopo benefico ed umanitario.

Quell’anno ha esordito con “Canto di Natale “ di C. Dickens, poi ha continuato l’attività con diversi lavori ,

più volte replicati, che ha portato anche a Pavia, Garlasco, Cilavegna, Gravellona, Cava Manara,

San Martino Siccomario, Milano, Gropello Cairoli, Robbio, Mede.

 

 

Maggio 2010 diventata O.N.L.U.S.

 

Il ricavato degli spettacoli è stato devoluto sempre ad Enti e ad Associazioni locali quali:

AGAL, AIAS, LIFE, UNICEF, AMAR, AISM, ADAI, ADV, ADMO, Associazione Bambini Down, CAV di Garlasco, Madre Amabile, Casa di Accoglienza alla Vita di Belgioioso, Comitato Cordone, Oltremare, Croce Azzurra, Oltre; Casa Giulia, Telefono Amico, Amnesty International, , La Fucina, AUSER, AEC, Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, Sc. El. G. Vidari Vigevano, sc. El. Regina Margherita, Confart. Veneto Alluvionati, A.P.P. Una mano per un sogno, Comitato locale C.R.I., Società San Vincenzo de’ Paoli, Agenzia Prabis Vigevano Bambini con la CCAM L’Art. 3 vale anche per me, Croce Azzurra, Croce verde , Alluvionati di Genova,ecc.

Da alcuni anni collaboriamo gratuitamente con AIAS vigevano i cui ragazzi partecipano in qualità di attori e di ballerini ai nostri spettacoli con beneficio di tutti.Se i disabili hanno potenziato le loro capacità espressive e motorie, i Grilli hanno potuto godere della loro amicizia e fiducia incondizionata, del loro affetto ma soprattutto hanno imparato da loro ad accettare la vita come è, con allegria e serenità ed ad impegnarsi a fondo, sempre.

In questi anni abbiamo dedicato il nostro tempo libero a far teatro, ci siamo improvvisati falegnami, scenografi, imbianchini, sarti, macchinisti, attrezzisti, tappezzieri, rubando ore al sonno… a alle rispettive famiglie, pur di raggiungere l’obiettivo: far divertire il pubblico e destinare il ricavato in opere benefiche. Abbiamo raccolto intorno a noi persone di varia età, provenienza, cultura, estrazione sociale e professione.

Abbiamo aiutato chi ci ha chiesto aiuto e nel corso di quasi trenta anni abbiamo distribuito prima decine di milioni e poi decine di migliaia di euro.